Peugeot Rifter: il leoncino che seduce alla guida urbana e outdoor

L’erede del Tepee sarà esposto al pubblico al Salone di Ginevra: la vocazione di Peugeot Rifter, a metà tra SUV elegante e minivan urbano, per ogni guida.

Rifter: stampo tradizionale, ma si cambia musica 

Il nuovo Peugeot Rifter propone una forma decisamente innovativa per le avventure della vita quotidiana (e non solo). Lo stile riesce a coniugare robustezza ed eleganza. Votato all’avventura, è a suo agio in qualunque ambiente.

Rifter è equipaggiato con il rivoluzionario Peugeot i-Cockpit e mantiene la promessa di un’esperienza di guida intensa. Costruito su una nuova piattaforma, il nuovo Leoncino offre resistenza e durata. Disponibile in due lunghezze (con 5 o 7 posti) è poliedrico, modulare e pratico. Adotta motorizzazioni efficienti e ha una dotazione tecnica di ultimissima generazione.

L’erede del Tepee: nuova sagoma e silhouette

Peugeot sigla questa nuova proposta nella sua gamma di autovetture con un nome fin qui sconosciuto: Rifter. Breve e incisivo, trasporta immediatamente nell’universo degli impieghi outdoor. Peugeot rivoluziona l’offerta nel segmento, pur conservando le caratteristiche fondamentali di questa tipologia di autovetture.

Design e livrea: “personalità” Peugeot – SUV che colpisce

Sul Rifter troviamo un design esterno forte e compatto, dalla personalità che si impone. Il frontale moderno e robusto che sfoggia il Leone al centro della calandra verticale, caratteristica degli ultimi modelli della gamma. Il suo sguardo si fregia di una firma luminosa a LED, al centro dei proiettori.

Il profilo laterale riafferma la forza dello stile. Le proporzioni sono perfettamente equilibrate: cofano corto e orizzontale, luce a terra alta e sbalzi ridotti. Le barre del tetto fanno decisamente parte del design, con un’integrazione curata. Le forme arrotondate, in posizione simmetrica nella parte anteriore e posteriore, modellano le porte e le superfici vetrate. La modanatura in rilievo dei passaruota contribuisce al carattere sportivo del veicolo. Secondo le versioni, sono disponibili anche cerchi diamantati da 17 pollici.

La parte posteriore propone un ampio portellone, che si apre su uno spazioso bagagliaio. L’appartenenza alla gamma del Leone è innegabile con le luci a tre artigli. Il paraurti a spigoli struttura la parte inferiore. A ciò si aggiunge che il nuovo Rifter adotta alcune caratteristiche di stile e funzionali proprie dei SUV: maggiore altezza dal suolo, grandi ruote, protezioni dei sottoporta generose, sottoscocca, protezioni passaruota e paraurti, deflettori anteriori e posteriori. E per chi pensa ancora più in grande per i viaggi/lavoro, il brand francese propone una versione Long (+35 cm).

i-Cockpit e interni riprogettati

Passiamo ora a definire il design interno di Peugeot Rifter. i-Cockpit caratterizza un abitacolo armonioso e decisamente moderno: gioca sulla purezza delle linee, la tecnologia tangibile e la qualità delle finiture di alto livello.

i-Cockpit nella vita di tutti i giorni offre una guida appagante ed immediata grazie a:

  • un volante compatto, appiattito sia inferiormente sia superiormente
  • un touch screen capacitivo da 8”
  • un quadro strumenti con Head up Display, valorizzato da profili cromati e lancette rosse. Il display a colori eleva ulteriormente la leggibilità della strumentazione
  • il posto di guida, curato fin nei minimi dettagli, prevede eleganti comandi cromati per gestire la climatizzazione. Questi comandi sono posizionati attorno al display di colore bianco puro, che visualizza le temperature
  • un freno di stazionamento elettrico, disponibile secondo le versioni

 

GT Line: il Rifter esclusivo ed evoluto

La versione GT Line di Peugeot Rifter, elegante e dinamica, completa la gamma GT Line presente in altri modelli del marchio. È una linea che propone dettagli specifici Nero Onyx, come

  • il profilo della calandra
  • la scocca dei retrovisori
  • le barre del tetto
  • gli inserti nelle modanature laterali

Lo stile esclusivo è completato da cerchi in lega 17 pollici diamantati Aoraki e da monogrammi GT Line a effetto ramato. Il volante in pelle, i dettagli della plancia verniciati, i rivestimenti in Tessuto Casual o, ancora, il fondo dei contatori con un motivo a scacchi, caratterizzano l’interno di questa versione.