M5S pensa di eliminare il rimborso accise gasolio per camion

La propaganda politica in vista delle elezioni continua: tra i rappresentanti del Movimento Cinquestelle, aleggia la proposta di eliminare il rimborso accise sul gasolio nell’autotrasporto.

Un percorso graduale per il taglio delle accise

Il parlamentale pentastellato Michele Dell’Orco ha dato risposta a una domanda posta dalla modenese Cinzia Franchini, ex presidente nazionale della FITA che in una nota di stampa ha chiesto al M5S di spiegare una parte del loro programma. In particolare la domanda è riferita alla parte del programma M5S in cui si afferma di eliminare i sussidi alle fonti fossili nei trasporti durante il medio periodo. Una domanda più che lecita, in quanto l’ex rappresentante Franchini si chiede quale sarà la nuova destinazione di quei 700 mln di €; una somma che fino ad ora è stata impiegata annualmente per indennizzare le accise sul gasolio, soprattutto nel ramo del trasporto.

Per rispondere alla domanda di Franchini, il pentastellato Dell’Orco ha dichiarato:

[…] andremo a toccare quei rimborsi sulle accise perché non sono la soluzione ma solo una toppa, una cura palliativa.

Per spiegare meglio queste parole, Dell’Orco ha dichiarato (sul sito web www.lapressa.it) che i 700 mln di € in questione non saranno eliminati tutti in una volta sola; ci sarà un percorso graduare per tagliare questa parte di rimborsi. E ciò non peserà sul bilancio economico delle ditte in quanto

[…] quei rimborsi saranno compensati non solo da sussidi ambientalmente favorevoli, ma anche e soprattutto da riforme strutturali che risolveranno a monte i problemi di queste aziende.

Trasporto: per il M5S più intermodale e meno su gomma

Dell’Orco ha, poi, ripreso globalmente il programma del Movimento Cinquestelle. Il deputato ha detto che uno degli obiettivi del Movimento è quello di trasferire man mano una cifra sempre maggiore di trasporto merci verso l’intermodale, passando così dal trasporto su gomma a quello su rotaia. Per attuare queste politiche sarebbe necessario, secondo le parole di Dell’Orco, anche della

[…] presenza di un piccolo e sano settore di autotrasporto, considerata l’orografia del nostro Paese.

Si delinea un programma nuovo e alternativo per la gestione e il supporto delle aziende dell’autotrasporto. Tra i punti focali il M5S punta il dito

[…] su quei punti dolenti che rendono le nostre aziende non competitive, come ad esempio sulle accise troppo alt (che sono state anche una nostra battaglia durante questa legislatura), e sul costo del lavoro. Partiremo in particolare da una manovra choc per le piccole e medie imprese, con la riduzione del cuneo fiscale e la riduzione drastica dell’Irap.

Un programma che secondo il M5S mira a tagliare i rimborsi per le accise, per trasferire quella stessa cifra su incentivi più ottimali: ad esempio svecchiare e rimodernare il parco mezzi in generale o sostenere progetti sulla sfera intermodale o per l’aggregazione di aziende.

Se si dà meno supporto al trasporto tradizionale su gomma di combustibili fossili, dall’altro lato Dell’Orco propone di continuare le ricerche sull’alimentazione elettrica, con un

[…] adeguato sostegno alla ricerca, agli acquisti e allo sviluppo dell’infrastruttura del settore.

E in conclusione, il deputato Dell’Orco ha asserito:

[…] mi rendo conto che chi, come la Franchini, è pienamente dentro i problemi del settore veda tutte le difficoltà che i cambiamenti comportano, ma è impensabile sostenere che lo Stato debba continuare a sovvenzionare un sistema che non funziona e per di più facendo un danno economico, ambientale e alla salute dei cittadini.