Fiat Talento MY20 | Prova su strada

Vi raccontiamo, nel nostro test drive, esterni, interni, spaziosità, motore, prestazioni, consumi e prezzo del nuovo Fiat Talento MY20.

Appena arrivato sul mercato saggiamo le doti del Talento Model Year 2020 che propone nuovi motori da 2 litri in luogo dei 1.6 precedenti, omologati Euro6d-Temp, e numerose novità all’interno dell’abitacolo, tra cui il sistema di infotainment Touch-Radio Nav da 7″ che include l’integrazione di Apple CarPlay e la compatibilità con Android Auto tramite app dedicata.

Si contraddistingue per la sua grande versatilità e per l’abilità di adattarsi alle diverse esigenze dei clienti, e per un nome dalla forte valenza simbolica che evoca sia le innate doti del mezzo sia il concetto di valore tramite il riferimento alla moneta, come da tradizione del brand Fiat Professional. Il Talento è quindi il punto di raccordo tra il Doblò e il Ducato e consente a Fiat Professional di coprire nuovi volumi e lunghezze di carico e di competere nel segmento degli LCV medi.

Le novità del MY 2020 contribuiranno a rafforzare il successo del modello che, nei primi sei mesi dell’anno, ha segnato una crescita dei volumi di vendita del 13% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Spazio e versatilità: comfort e funzionalità per lunghi trasferimenti

Dal punto di vista dello stile esterno, il Talento si presenta compatto e ben proporzionato: il parabrezza avanzato si raccorda bene con il cofano corto e l’effetto complessivo è quello di un frontale imponente ma dinamico. Il design è orizzontale e le linee nette e pulite, in sintonia con il nuovo family feeling della gamma Fiat Professional, che esalta la larghezza del veicolo e le capacità di carico, ben evidenziata dal posteriore squadrato, ma anche il dinamismo e la sensazione di stabilità. Tra le peculiarità del nuovo modello: il paraurti anteriore in tre varianti (nero, semiverniciato o in tinta con la carrozzeria); la griglia superiore e le barre in nero o argento metallizzato; e la barra orizzontale della griglia superiore verniciata in argento metallizzato. A richiesta, è possibile avere le esclusive luci diurne a led  integrate nel paraurti. Completano il look del Talento i copricerchi da 16″ e i cerchi in lega da 17″ del nostro modello (diamantati grigi o neri opachi). 

Disponibile in tutti i tipi di carrozzeria – furgone a tetto basso e tetto alto, trasporto persone, doppia cabina e pianalato – il Talento MY 2020 offre 2 lunghezze, 2 altezze e 2 diversi passi. Combinando questi elementi, il rinnovato modello soddisfa tutte le esigenze per il trasporto leggero – da 5,2 a 8,6 metri cubi e con un peso lordo del veicolo, compreso tra 2,80 e 3,05 tonnellate, e un carico utile che può raggiungere i 1.266 chilogrammi. Le due lunghezze “fuoritutto” sono di 4.999 m e 5.399 m, come l’esemplare da noi provato. Le altezze 1.971 e 2.493 m.

Molto utile l’apertura della paratia “CargoPlus” (calamitata per esser bloccata in posizione aperta), posta sotto i sedili passeggeri permette ai professionisti di trasportare oggetti lunghi fino a 3,75 metri (4,15 m per l’allestimento a passo lungo). Il Talento MY 2020, anche nell’allestimento a passo corto, è in grado di trasportare 3 Euro-pallet. La straordinaria accessibilità è garantita anche dalla soglia di soli 552 mm e dalla larghezza della porta scorrevole di 1030 mm (a 100 mm dal pavimento). L’accesso al vano di carico è semplice e immediato, grazie alla sua forma regolare e squadrata, unita alla possibilità di aprire le porte posteriori a 90° e sbloccarle fino a 255°.

All’interno, il Talento MY 2020 garantisce il massimo comfort e un’ottima ergonomia, grazie a tessuti robusti e sedili ben profilati, che assicurano una seduta confortevole a tutti i passeggeri, e la posizione ottimale del volante e dei comandi che rendono più rilassante e sicura la guida di tutti i giorni. Le plastiche sono rigide, ma facilmente pulibili. In particolare i nuovi interni Black sono stati rinnovati per creare un ambiente elegante e funzionale che bene si sposa con i numerosi vani portaoggetti presenti – la capienza totale dei vani è di 90 litri – e il pratico e intelligente “ufficio mobile”. I portaoggetti sono molti, ma non sempre si riescono a bloccare gli oggetti piccoli, come chiavi, portafogli e telefono, che rischiano di vagare per il cruscotto. Il sedile centrale reclinabile, dotato di tavolino a scomparsa, schienale apribile con vano portaoggetti e tablette porta documenti. 

 Su strada: più sprint, meno consumi

Grande novità del Talento MY 2020 è il debutto del nuovo motore EcoJet da 2 litri, che rispetta la normativa Euro6d-Temp e si caratterizza per una riduzione dei consumi fino all’11%, pur offrendo potenza e coppia incrementate rispetto al 1.6 precedente. Disponibile in tre diverse potenze (120 CV e 320 Nm, 145 CV  e 350 Nm (+10) e 170 CV e 380 Nm) con coppia massima già disponibile a 1.500 giri (prima il 145 aveva il picco a 1.750giri), il propulsore è dotato di turbocompressore a geometria variabile che garantisce una guida più fluida e un motore più elastico fin dalle basse velocità, con conseguente riduzione dei consumi nel reale ciclo di utilizzo. Noi sul 145 CV abbiamo registrato circa 11km al litro, senza badare molto alla guida e in percorso misto. In autostrada il consumo è sicuramente migliore e si riescono a superare anche i 13km/l, peggio in città, ma comunque ben superiori ai concorrenti.

Infatti, grazie al controllo elettronico, il nuovo turbocompressore è in grado di adattare la sua fluidodinamica alla velocità del motore e allo stile di guida, per garantire in ogni momento la giusta sovralimentazione. Inoltre, il propulsore adotta la tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction), il sistema che abbatte le emissioni di ossidi di azoto, iniettando una soluzione di AdBlue nei gas di scarico.  Infine, completa la gamma di motorizzazioni del Talento MY 2020 il compatto 1.6 EcoJet Turbo da 95 CV con S&S e 260 Nm, anch’esso con turbo a geometria variabile e con tecnologia SCR.

Il motore 145Cv (a 3.500giri) ci sembra ben dimensionato per il veicolo, anche in condizioni di pieno carico: la “schiena” è robusta e non si soffre mai, neppure in salita o nei sorpassi in autostrada. Certo magari conviene scalare, poiché la sesta marcia è parecchio lunga, parliamo di 2.350 rpm a 130km/h. Invece l’allungo del 2.0 non è dei migliori. E non serve insistere già oltre i 3mila giri, basta passare al rapporto superiore, supportati da una robusta coppia. Non manca il frenomotore, sempre utile su questo genere di mezzi.

In autostrada il confort è ottimale, complice un’insonorizzazione abbastanza curata e poche vibrazioni, sia dal motore, sia dal vano di carico. In città sensori posteriori e la telecamera permettono di muoversi con agilità. Il diametro di sterzata è abbastanza contenuto, ma non dei migliori. Piace meno il comportamento delle buche e dossi. Dietro ce lo aspettavamo, poiché le sospensioni sono pensate per i carichi pesanti, ma meno davanti, dove invece il colpo è secco e poco piacevole

Infotainment avanzato, ma pochi ADAS

Con il nuovo Talento MY20 è ora disponibile il nuovo dispositivo di infotainment Touch-Radio Nav da 7″ che include l’integrazione di Apple CarPlay e la compatibilità con Android Auto. Dotato di ingresso USB e sintonizzatore Radio DAB, il sistema offre anche funzione di navigazione e tecnologia Bluetooth. Inoltre, Apple CarPlay fornisce indicazioni stradali ottimizzate a seconda delle condizioni del traffico e può essere usato per eseguire e ricevere chiamate, inviare e ricevere messaggi e ascoltare Apple Music, audiolibri e podcast restando sempre concentrati sulla strada. E’ anche dotato di controllo vocale Siri ed è progettato appositamente per l’utilizzo alla guida.
Il sistema è compatibile inoltre con Android Auto che consente di non uscire dall’ecosistema Android nemmeno mentre si è al volante, “proiettando” applicazioni e servizi sul display centrale, ed è progettato per rendere il recupero di informazioni alla guida un esercizio facile e sicuro. L’autista può utilizzare Google Maps o Waze per ottenere indicazioni stradali e inoltre accedere con facilità a musica, contenuti multimediali e alle principali app di messaggistica

.

Il Talento è dotato di tecnologia sicurezza avanzata: ad esempio, su tutti gli allestimenti sono di serie EBA (assistenza alla frenata di emergenza), oltre che sistema ESC con Hill Holder e Traction+. A richiesta, sono disponibili airbag laterali, window-bag e sistema di ausilio alla stabilità del rimorchio (TSA) che garantisce una perfetta stabilità in caso di traino: infatti, se il veicolo inizia a sbandare, il TSA modula automaticamente la potenza del motore e la forza frenante applicata su ciascuna ruota, stabilizzando nuovamente sia il veicolo sia il rimorchio.

Mancano però gli ultimissimi sistemi di ausilio alla guida ADAS, che i rivali offrono di serie o a pagamento. Molto utile il sistema Traction+, che permette di divincolarsi agilmente quando i fondi si fanno difficili. È il sistema innovativo di controllo della trazione che permette di affrontare terreni sconnessi, neve, ghiaccio, fango ed erba bagnata eliminando il peso in più dovuto all’attrito della trazione integrale. In caso di slittamento di una ruota motrice, Traction+ trasferisce la coppia a quella con maggiore aderenza. Completano il quadro e sono disponibili su richiesta, gli pneumatici all-season: essi garantiscono il massimo dell’aderenza in qualsiasi condizioni della strada.

Prezzo e concorrenti

Si parte da 21.600€ per la versione 1.6 passo corto. Per il modello 2.0 145cv passo lungo oggetto della nostra prova siamo a circa 27.000€.

I concorrenti del segmento sono i van medi come l’Opel Vivaro, il Renault Trafic, il Nissan NV300, per arrivare al Mercedes-Benz Vito, Toyota ProAce, Volkswagen Transporter e Peugeot Expert.