Conducenti di autobus e autocarri in pista fino a 65 anni

Una nuova proposta di legge approvata sposta il limite di guida a 65 anni per conducenti di autobus e di autocarri.

La Commissione rivaluta il limite d’età per i conducenti di mezzi pesanti

Finora il limite massimo consentito nel mondo dei trasporti (di persone o di cose) per i conducenti è stato 60 anni. Ma una nuova variazione della legge è passata recentemente: all’interno della Commissione Trasporti alla Camera, un emendamento del Gruppo delle minoranze linguistiche (con primo firmatario Renate Gebhard) è stato votato.

Questa variazione riguarda i conducenti di autocarri, autobus, autotreni, autosnodati e autoarticolati: l’età massima per poter guidare sale a 65 anni. Oltre a ciò, questo emendamento ha variato anche l’età massima con gli attestati specifici: in altre parole

  • in precedenza oltre i 60 anni si poteva rinnovare anno per anno, fino ai 68 anni di età, il permesso di guida tramite certificati specifici. Era possibile se si eseguivano le visite mediche specialistiche con cadenza annuale
  • Grazie alla nuova proposta, partendo dal limite massimo di 65 anni, sempre attraverso la prova di visite mediche apposite è possibile rinnovare il permesso di guida, ma questa volta fino a 70 anni

 

Autotreni e autoarticolati: età e limite di carico

In conseguenza a quanto detto prima, aumenta allo stesso modo il limite di età sia per i conducenti di autoarticolati sia per i conducenti di autotreni che riportano una peso massimo (a pieno carico) superiore alle 20 tonnellate: da 65 anni a 68 anni.

Un ulteriore effetto cade sul termine massimo di età rinnovabile annualmente (come nei casi precedenti, certificati dopo una visita medica specifica): da 68 anni a 70 anni.